COOKIES: Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'utilizzo. Vuoi sapere quali cookie sono utilizzati?
Clicca qui per accedere alla cookie policy

Criteri costruttivi

IL COMFORT E LA SALUBRITÀ AMBIENTALE

Nella moderna progettazione degli edifici, oltre a tutti gli aspetti tecnici ed impiantistici, assume una rilevanza fondamentale il comfort ambientale. Il comfort ambientale è quella sensazione di benessere psicofisico che un individuo prova in relazione alle condizioni di temperatura, umidità, rumorosità e illuminazione dell’ambiente in cui si trova.

Il comfort che proviamo in casa dipende quindi, per la maggior parte, da fattori ambientali: si parla infatti di comfort termo-igrometrico, acustico, luminoso, tutti aspetti in gran parte pianificabili e di cui si può tener conto nella progettazione.

Le pareti in legno massiccio Biohabitat offrono elevate prestazioni termo-igrometriche e di isolamento acustico, ma la nostra filosofia costruttiva si spinge oltre: le nostre abitazioni infatti sono anche salubri.

È ormai un dato certo che la qualità dell’aria interna degli edifici può essere peggiore di quella esterna. Dalla metà del secolo scorso sono state immesse nell’ambiente più di 100.000 nuove sostanze estranee all’organismo umano. Molte di queste sostanze vengono emesse e diffuse nelle abitazioni dai materiali edili impiegati per la costruzione.

Inoltre con l’introduzione in edilizia di materiali isolanti ed il perfezionamento dei sistemi costruttivi per la realizzazione di edifici altamente efficienti dal punto di vista energetico, caratterizzati da basse permeabilità all’aria, le concentrazioni di sostanze chimiche all’interno delle abitazioni sono ulteriormente aumentate determinando la comparsa di vere e proprie patologie, quali le Malattie associate agli edifici o “Building Related Illness” (BRI) e la Sindrome da Edificio Malato o “Sick Building Syndrome” (SBS), che si manifestano in un sempre più elevato numero di persone che abitano in edifici, anche moderni o recentemente rinnovati, dotati di impianti di Ventilazione Meccanica Controllata (VMC).

Per questo motivo è fondamentale la scelta dei materiali utilizzati nelle costruzioni: le pareti in legno massiccio Biohabitat, completamente prive di qualsiasi sostanza nociva (certificazione ETA 13/0226) non emettono nell’ambiente domestico composti chimici dannosi per la salute. In particolare è garantita l’assenza di formaldeide o isocianati in quanto non vengono utilizzate colle.

Oltre a ciò, anche i materiali che utilizziamo per le finiture sono completamente naturali per garantire non solo il comfort abitativo, ma anche la salubrità delle nostre case perché solo quando fa stare bene e procura benessere un edificio è qualitativamente ricco. Rispetto agli edifici che considerano come unico paradigma l’efficienza energetica, quello che fa la differenza sono la qualità dell’aria interna priva di inquinanti, la temperatura gradevole, l’isolamento dai rumori, la luminosità, le percezioni sensoriali positive date dai materiali naturali utilizzati per le finiture.

CONTATTI