COOKIES: Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'utilizzo. Vuoi sapere quali cookie sono utilizzati?
Clicca qui per accedere alla cookie policy

Criteri costruttivi

COME CONCEPIAMO GLI IMPIANTI

I punti fermi di un edificio con prestazioni energetiche elevate sono due: l’involucro e gli impianti. Nelle nostre case viene prestata estrema attenzione a entrambe gli aspetti che, dal nostro punto di vista, sono indissolubilmente legati, al punto da definirli “sistema”: il “Sistema Biohabitat” appunto.

 

 

RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO

La struttura in legno massiccio Biohabitat, l’involucro, offre elevatissime prestazioni termiche: la diretta conseguenza di ciò deve essere quindi la progettazione di un impianto di climatizzazione estremamente semplice e ridotto all’essenziale.

Un errore comune infatti è quello di realizzare case molto efficienti con impianti sovradimensionati: se in una casa non è necessario accendere il riscaldamento significa che l’impianto è stato progettato male o che non si è tenuto conto dell’efficienza dell’involucro.

L’impianto di riscaldamento e raffrescamento è radiante “a parete”ossia è costituito da una serie di serpentine di rame puro (di durata elevatissima) annegate in uno spessore di argilla applicati a parete. Le serpentine sono alimentate ad acqua la cui temperatura invernale ed estiva è regolata da una pompa di calore.

Il sistema radiante scambia calore per radiazione termica con le superfici circostanti e per convezione termica con l’aria dell’ambiente; la combinazione ottimale tra la temperatura dell’ambiente e la temperatura media delle superfici (ossia la temperatura media radiante) garantisce il comfort termicoossia la condizione di perfetta soddisfazione fisica e psicologica per l’ambiente termico.

L’argilla utilizzata nei pannelli di copertura delle serpentine è un materiale naturale, atossico, dotato di eccezionale durabilità nel tempo. Inoltre l’argilla ha delle proprietà che la rendono particolarmente adatta ad essere utilizzata nei sistemi di riscaldamento: è in grado infatti di accumulare calore e rilasciarlo lentamente nell’ambiente, riducendo in tal modo i consumi, e di assorbire l’umidità ambientale. Grazie a questa caratteristica, l’impianto installato non ha necessità di essere affiancato da un deumidificatore.

 

 

IMPIANTO ELETTRICO

Anche se non ce ne rendiamo conto, l’esposizione ai campi elettromagnetici, generati sia dalle apparecchiature domestiche (elettrodomestici) che apparecchi che utilizzano alte frequenze (cellulari, forni a microonde) può influire fortemente sulla nostra salute e sul comfort abitativo. Recentemente numerosi studi hanno messo in evidenza i possibili effetti nocivi dei campi elettromagnetici (sia a bassa che ad alta frequenza) sull’uomo la cui entità dipende sia dal tempo di esposizione che dall’intensità dei campi, sia dalla sinergia con altri fattori inquinanti.

La parete Biohabitat per la sua massa e per la sua conformazione “a rete” scherma le onde ad alta frequenza, limitando molto l’entrata in casa delle linee wireless esterne, per esempio. A questa naturale funzione schermante della parete abbiniamo metodi, tecnologie ed accorgimenti impiantistici, che sono in grado di ridurre la esposizione ai campi elettromagnetici a bassa frequenza (uso di scatole metalliche schermate per i quadri elettrici e i contatori, disgiuntori di corrente, attenta progettazione dei circuiti elettrici per evitare passaggi dei cavi sotto i letti e circuiti chiusi ad anello.)

CONTATTI